17 tendenze per le Strutture Alberghiere nel 2017

hotelmarketingtrends2017
Share on Facebook46Share on LinkedIn32Share on Google+4Tweet about this on Twitter0

Non posso desimermi dal pubblicare come primo articolo del 2017, qualcosa che ha a che fare con le previsioni di Hotel Marketing per questo lungo anno. Che cosa lo caratterizzerà?

Ovviamente sulla scia di quanto accaduto sul finire del 2016, in cui Google ha annunciato l’arrivo di un motore di ricerca dedicato al mobile, è facile immaginare che le strategie di mobile marketing avranno in questo anno ancora più importanza di quanto non ne abbiano avuto l’anno scorso.

Una buona impostazione lato mobile per la propria struttura alberghiera, sarà un vantaggio non solo dal punto di vista delle ricerche organiche, ma anche per gli investimenti pubblicitari su Google AdWords e Facebook Ads. L’obiettivo dovrà essere facilitare l’esperienza di navigazione dell’utente.

Tutto qui? No…

MOBILE PRIMA DI OGNI COSA

Come da introduzione all’articolo, si ribadisce il concetto di una centralità del mobile per il motore di ricerca Google. Bisogna essenzialmente costruire le proprie strategie ragionando in particolar modo su questo aspetto. Il potenziale cliente che dal suo smartphone visita il sito della tua struttura alberghiera, è facilitato nel mettersi in contatto con te? Gli investimenti pubblicitari che stai sostenendo, trovano famigliarità con l’usabilità dai dispositivi mobili? Fai attenzione a non perdere ranking e ROI!

PAGAMENTI OLTRE LE CARTE DI CREDITO

Sistemi di pagamento come PayPal o Apple Pay, stanno sempre più avendo crescita e successo tra gli utenti. Resta da capire se anche il sito della tua struttura, o meglio, il software di booking che hai installato nel sito, consente una modalità di pagamento che va oltre la classica carta di credito. Di sicuro sistemi di pagamento come PayPal sono più veloci per gli utenti…ed in Italia, forse, potrebbe essere un modo per abbattere la barriera dell’insicurezza quando si tratta di inserire online la propria carta di credito.

TABLET IN DECLINO

Quando si parla di mobile alle volte si tende ad includere in questa “nicchia” sia gli smartphone che i tablet. Tuttavia analizzando le statistiche del proprio sito web è facile rendersi conto di come gli smartphone stiano letteralmente prendendo il sopravvento, lasciando indietro non solo il Desktop, ma soprattutto il Tablet. Pare infatti che questi stiano perdendo terreno e le visite al sito provenienti da questi dispositivi, probabilmente non si riprenderanno in questo 2017.

CAMBIAMENTI NELLE RICERCHE A PAGAMENTO

Più annunci di testo, Google che ha incrementato lo spazio di scrittura delle inserzioni pubblicitarie e nuovi Big competitors per le strutture alberghiere. Come AirBnb che ha fatto di AdWords lo strumento del suo successo, come puoi approfondire in questa pagina. Sempre più competitività nelle ricerche a pagamento dunque!

LA RICERCA VOCALE E LA SEO

Molti gli smartphone che dispongono della funzione “Ok Google” la quale permette di eseguire ricerche vocali. Questo vuol dire che bisogna prediligere contenuti per “long tail” all’interno delle pagine del proprio sito web per cercare di intercettare questo tipo di ricerche che, solitamente, si prospettano più lunghe delle comuni ricerche digitate manualmente. La SEO per Hotel deve cominciare ad assumere un significato diverso, non basandola più solo ed esclusivamente su tecniche di link building ma concentrandosi sul content.

CAMBIAMENTI ALGORITMICI

Sappiamo che sono 200 gli algoritmi di Google e che vengono aggiornati almeno 500 volte l’anno circa. Ma anche Bing e Facebook non stanno a guardare, ed anche loro continuano a fare cambiamenti in maniera tale da perfezionare i loro risultati di ricerca. In questo marasma di cambiamenti l’albergatore deve stare attento a cogliere e soddisfare questi nuovi paradigmi.

INSTAGRAM E-COMMERCE

A quanto pare Instagram nel giro di 2-4 anni cercherà di darsi un’impronta prettamente e-commerce. Probabilmente si assisterà alla nascita di veri e propri e-shop. È qualcosa che va monitorato e tenuto sotto controllo. Potrebbe essere una buona opportunità anche per le strutture alberghiere che, in fondo, possono essere considerate anch’esse come dei negozi online nei quali acquistare “camere”, “pacchetti vacanze” o altro. Qualcosa sulla futura evoluzione di Instagram si evince meglio da questo video:

SNAPCHAT NUOVA FRONTIERA (?)

La Social App del 2016 ha fatto passi da gigante e probabilmente non si fermerà nemmeno nel 2017. C’è chi vede in questo social la possibilità di dare visibilità alle caratteristiche di una struttura alberghiera. Non metto in dubbio che trovando una chiave di lettura simpatica e creativa, gli effetti possano essere vincenti, tuttavia resto personalmente scettico nei confronti di questa app. Ma mi riservo un’ombra di dubbio per darmi il tempo di approfondire…

FACEBOOK MOBILE ADS

Gli annunci pubblicitari su Facebook sono visualizzati dal 95% degli utenti attraverso un dispositivo mobile. Questo vuol dire che bisogna concentrare maggiormente gli sforzi e gli investimenti nella pubblicità mobile, facendo particolare leva sugli annunci video che, a quanto pare, riscontrano un maggior successo (cosa che posso personalmente sottoscrivere in base ad alcuni test fatti per alcune strutture alberghiere).

VIDEO IN CRESCITA

Sulla scia di quanto detto nel punto precedente, va detto che i video sono i contenuti preferiti dagli utenti rispetto al testo. Sono facilmente “digeribili”. L’interattività è semplificata e la comunicazione, se realizzata ad hoc, sortisce effetti migliori. Pertanto se si decide di intraprendere la strada del video marketing, è bene pensare alla migliore comunicazione per la propria struttura ricettiva così da esaltarne peculiarità e caratteristiche.

LIVE STORY

Le Instagram Story in particolare, ma anche le Live Chat di Facebook, sono mezzi comunicativi che nel 2016 hanno trovato particolare fortuna. Entrambi potrebbero diventare un modo innovativo per fare quello che ieri, ed ancora oggi, si fa attraverso lo storytelling dei blog.

METASEARCH

Sono canali che si sono ormai affermati nel mercato turistico. Sono senz’altro da tenere in considerazione da parte degli albergatori nelle loro strategie di web marketing turistico.

WEB ANALYTICS

Il processo di analisi del comportamento degli utenti è, e sarà sempre, la chiave di lettura migliore per il successo di una struttura. I dati statistici oggi permettono di andare sempre più in profondità. Da qui possono e devono nascere nuove idee ed obiettivi di promozione online. Mai abbandonare l’analisi web!

BING NON SOLO GOOGLE

Bing ha visto una grande crescita nel 2016, il che lo rende ancora più importante nel 2017. Ad oggi ha il 7,3% del mercato UE, tra cui il 20,5% della quota di mercato nel Regno Unito, il tutto dovuto presumibilmente al lancio di Windows 10. Anche se il volume di ricerche è sicuramente più basso rispetto a Google, dargli un minimo di importanza non guasta.

DATABASE PROFILATI

Rispetto ad un tempo gli albergatori possono godere di pubblici maggiormente personalizzati e profilati. Questo grazie a strumenti come Google Analytics, Google AdWords, Facebook Ads che consentono di scegliere in maniera quasi chirurgica il pubblico su cui eseguire i propri investimenti pubblicitari. Nel 2017 dunque, è un dovere impegnarsi in maniera intelligente con questi strumenti evitando campagne pubblicitarie improvvisate.

Dopo aver trattato e approfondito alcuni dei punti secondo me più interessanti, ti lascio all’infografica completa della Net Affinity sui Trends 2017.

Buon SEO e Web Marketing :-)
Danilo Pontone

Share on Facebook46Share on LinkedIn32Share on Google+4Tweet about this on Twitter0
The following two tabs change content below.
Consulente Web Marketing, SEO e Social Media Marketing per tutte le strutture alberghiere. Con Hotel 2.0 offre Consulenza e Servizi utili per impostare la migliore strategia di Promozione sul Web.