Con il Wi-Fi gratuito il cliente ti promuove gratuitamente

quanto si usa il wi-fi

Da un sondaggio realizzato negli US dalla Kineto Wireless:

  • 43% utilizzano tutti i giorni il Wi-Fi tramite smartphone
  • 27% utilizzano il Wi-Fi raramente
  • 21% spesso
  • 8% mai

quanto si usa il wi-fi

In Italia?

Per farti capire la situazione, non uso dati statistici, ma faccio riferimento alla mia esperienza personale.

Quest’estate ho avuto la fortuna di soggiornare in due bellissimi Hotel:

  1. Nel primo c’era a disposizione dei clienti il servizio Internet, rigorosamente a pagamento e in una specie di stanzino (gattabuia). Possibilità di utilizzare il Wi-Fi? Certo! Ma a pagamento e connessione a criceto (=lentissima)
  2. Nel secondo hotel, allestito in modo molto più professionale con ben 3 postazioni PC, sono rimasto senza parole per i costi di utilizzo: per soli 30 minuti 5€. Per 1 ora 10€. Wi-Fi disponibile ma allo stesso prezzo.

Adesso facendo riferimento ai dati di inizio post, pur essendo relativi all’utenza Americana, è facile intuire come anche in Italia vi sia un grande utilizzo del Wi-Fi. Basti pensare agli smartphone di oggi, tutti attrezzati per navigare in Internet. Basti pensare ai giovani che ormai vanno sempre alla ricerca dell’ultimo modello di cellulare “quello che ti fa andare in Internet“. Basti pensare ai sempre più venduti e richiestissimi iPhone.

Eppure la cultura del Wi-Fi gratuito in Italia proprio non pare prendere piede, se non in sporadici casi.

Ma pensando al settore turistico ricettivo, la cosa più negativa da guardare, non è tanto il fatto che le persone non possano utilizzare Internet. Quello che a me dispiaceva nelle mie vacanze non era il fatto di non poter navigare gratuitamente, quanto piuttosto il pensiero che la struttura ricettiva così facendo, si precludeva una possibile chance di promozione turistica altrettanto gratuita.

Perchè?

Se io andassi in un Hotel e trovassi la rete Wi-Fi gratuita, ecco cosa farei: entrerei in Facebook, direi dove sono e com’è l’hotel in cui mi trovo, automaticamente il mio status si diffonderebbe al mio account Twitter, FriendFeed, Google Buzz, LinkedIn etc.. E ancora potrei entrare in Foursquare per segnalare dove mi trovo e far sapere a tutti i miei contatti in quale struttura sono andato. Tutti i miei contatti potrebbero notare la positiva impressione che ho avuto dell’Hotel e magari un domani si ricorderanno di quella struttura. (Senza dimenticare il prossimo arrivo di Facebook Places, a cui dedicherò un post prossimamente).

Senza particolari sforzi l’Hotel si ritroverebbe un pò di pubblicità in maniera del tutto gratuita. Perchè tutti quelli che hanno uno smartphone è SICURO che usano quei mezzi sociali (social network) che oggi sul web fanno la differenza e sono realmente capaci di dare diffusione ad un Brand.

E’ come dire che TU albergatore offri un servizio gratuito (il Wi-Fi) al cliente, che a sua volta, sempre gratuitamente ti potrà promuovere sul Web. E sicuramente sai quanto conta ed è importante un’azione spontanea da parte di un tuo cliente che proprio in quel dato momento sta soggiornando da te.

Ma no! Macchè! Continuiamo a far pagare per navigare in Internet, io nel fratempo rincaro la dose e vi lascio con questi altri dati provenienti dall’altra parte del mondo, dove forse il web marketing turistico ha sicuramente vita più facile.

Motivi per cui viene usato il Wi-Fi sugli smartphone:

Danilo Pontone

Con il Wi-Fi gratuito il cliente ti promuove gratuitamente ultima modifica: 2010-08-25T10:32:58+00:00 da Danilo Pontone
The following two tabs change content below.
Consulente Web Marketing, SEO e Social Media Marketing per tutte le strutture alberghiere. Con Hotel 2.0 offre Consulenza e Servizi utili per impostare la migliore strategia di Promozione sul Web.

  • Sono pienamente daccordo con la tua osservazione, infatti nel mio agriturismo fornacina.it diamo wifi gratuito e i clienti ne sono molto soddisfatti e ci ripagano pubblicizzando la mia struttura presso i loro amici.
    Grazie per il buon lavoro informativo che fate.
    Saluti
    Layla

    • Ciao Layla!
      Con il tuo commento mi stai praticamente dando conferma di quello che spesso e volentieri accade o dovrebbe accadere con più frequenza.
      Non mi resta che farti i complimenti per la scelta che avete adottato nel vostro agriturismo La Fornacina :-)

      Ciao

      • Dimenticavo!! D’obbligo fotocopia della carta d’identità e tenere traccia (io tengo un piccolo registro) dell’user e password che hai fornito a quel cliente in quel dato giorno.
        E’ essenziale che ci sia questa procedura. Io attivo wi fi su richiesta, non è libera.
        Anche per collegarsi nella reception, fornisco i dati dedicati.
        :O)

  • Quello che mi domando è se sia legale fornire gratuitamente una connessione Wi-Fi senza chiedere un documento di identità.
    Mi spiego meglio se io mi connetto tramite un router di un Hotel e commetto un reato piu o meno grave su internet, vengo beccato. In che maniera si può tutelare l’albergatore da eventuali denunce essendo lui stesso l’amministratore di sistema e quindi colui che ha piena responsibilità per quello che accade nella sua rete?
    Chiedere un documento di identità a tutte le persone che chiedono di accedere a internet sarebbe una cosa troppo dispendiosa e lunga.

    • Ciao Daniele!
      Il problema, in tal senso, non sussite. E’ naturale che l’Hotel non può aprire la sua Rete a tutti, altrimenti si correrebbe il rischio che hai appena esposto. Ma esistono un sacco di servizi HotSpot Wi-FI che offrono copertura e banda per navigare in Rete assolutamente a norma di Legge. Della serie, nessuno può fare tutto quello che vuole a discapito di un altro.

      Per farti un esempio conosco InWYA che offre proprio questo servizio per gli Hotel, anzi, offre un sacco di cose come ad esempio l’integrazione diretta tra Social Network e sito dell’Hotel. Se non lo conosci ti consiglio di fare una visita al sito ;)

    • Grazie Danilo :O)

  • Il mio piccolo hotel è vicino a zone industriali importanti. La connessione wi fi è uno dei primi servizi che fatto installare non appena ho preso l’hotel (un anno e mezzo fa).
    I miei clienti la usano tantissimo.
    Per business, ma anche per pleasure. Se la facessi pagare avrei un buon ritorno economico, ma probabilmente la utilizzerebbero anche meno.
    Mai pensato di guardagnarci qualcosa su questo. Fin da subito ho dato il servizio gratuitamente, proprio per far veicolare l’immagine dell’hotel, per dargli una marcia in più.
    Quindi sono sulla buona strada, no? :O)

  • Danilo, mi meraviglio che uno come te, prima di scegliere l’Hotel non abbia verificato i costi di servizio per l’accesso ad Internet… ma forse, trattandosi di Italia, non ti sei posto il problema in anticipo sicuro di cavartela con una chiavetta 3G.
    A parte le battute, la questione dell’accesso WIFI diventa estremamente importante quando vuoi dare un servizio agli stranieri, per due ragioni:
    1) La maggior parte di questi ritengono fondamentale poter usufruire di un servizio di questo tipo
    2) Non dispongono di servizi di connessioni dati alternative a basso costo (ricordo che loro sono in roaming)

    … e grazie della menzione:-)

    • Gabriele grazie per il tuo commento, puntuale e sicuramente interessante.
      La menzione penso che fosse doverosa se non addirittura obbligatoria ;-)

  • non c’é dubbio che la connessione debba essere a costo zero per l’ospite che potrà forse anche publicizzare la struttura ricettiva in cui si trova.
    E’ altrettanto vero che molti ospiti non richiedono una connessione perché vogliono godersi le ferie disintossicandosi dalla dipendenza che loro e i loro figli hanno dai social network che fanno perdere una marea di tempo.
    ciauuu

  • ciao Donato, certo! Ma, come battuta, è come se un tabacchino decidesse di non “vendere” le sigarette… secondo me prima o poi cambia idea!
    Cmq detta da te, che già offri la wifi (Inwya), la considerazione ha sicuramente una sua verità.

  • Cristiana

    Ciao a tutti,
    io lavoro in due piccole strutture nel centro storico di venezia e offriamo la wifi gratuita ma vi posso dire che alle volte rimango meravigliata del tempo che spendono certi turisti per stare collegati invece di godersi la città.
    Alle volte penso che troppa tecnologia ci stia mangiando il piacere del tempo libero . . .
    Scusate la velocità e la risposta . . . ma son ancora sul lavoro
    Un ottimo blog Danilo :-)

    • Ciao Cristiana.
      Grazie a te per il commento e per la tua testimonianza.
      Effettivamente se dovessimo guardare al lato “morale” della cosa, forse come dici tu e come diceva anche Donato, sarebbe meglio abbandonare la tecnologia almeno quando di va in vacanza. Giusto per staccare un pò. Ma se per un momento torniamo a guardare al lato imprenditoriale della cosa, è evidente come il Wi-Fi giochi un ruolo davvero determinante, e il tuo caso lo dimostra chiaramente :)

  • paola

    Si dovrebbe trovare il modo di mettere wifi anche nei ristoranti.
    A tavola si parla, si discute, spesso si ha bisogno di una verifica su wiki, di tradurre una parola, di vedere le previsioni del tempo, di leggere il giornale o anche un ebook, nell’attesa, fra una portata e l’altra .
    Ovunque c’e’ un’attesa ci dovrebbe essere un wifi che ti viene in soccorso per spendere il tuo tempo nel modo piu’ proficuo.
    Anche dal medico, sopratutto dagli specialisti, al posto della solita rivista maneggiata da tutti.

    • Ciao Paola.
      Mi piace quello che dici perchè questo discorso era proprio venuto fuori con alcuni miei amici mentre eravamo in un ristorante a mangiare. Penso che in molti si siano ritrovati a fare questo pensiero :-)

  • Ciao Danilo,
    Condivido pienamente il tuo pensiero e apprezzo l’equilibrio che, come in tutte le cose, é opportuno mantenere per crescere e durare nel tempo.

    Conosco InWYA da quasi 3 anni e ne raccomando le qualità ogni volta che si presenta l’occasione.
    Gabriele sta’ facendo un buon lavoro e direi con molta serietà, virtù ormai rara pur essendo la base di ogni tipo di collaborazione che voglia durare con sempre nuovi sviluppi.
    Weiter so come dicono i crucchi !
    a presto

    • Sono certo della professionalità di Gabrile, il quale sono sicurosarà contento di leggere un così importante feedback da un suo cliente! :)

      A presto…

  • Sono d’accordo con Danilo, al giorno d’oggi il Wi-Fi dev’essere gratuito!
    Lavoro in una struttura lusso e fino a qualche mese fa facevamo pagare la connessione, dopo diversi tentativi e molte lamentele dei clienti la proprietà si è convinta a renderlo gratuito, risultato? Immaginate voi!

    • Ciao Alex,
      grazie per il commento e per la tua testimonianza. Sono sicuro che adottando il WiFi gratuito nel vostro Hotel, ne avrette tratto enormi benefici, molti dei quali magari ancora non li avete notati perchè del tutto spontanei ;)

  • La connessione wi-fi dovrebbe essere sempre gratuita in quanto rappresenta un valore aggiunto nell’offerta che l’hotel presenta ai propri clienti…

    Ahimè non sempre è così, anzi spesso viene visto – per la mia esperienza – come un qualcosa per fare business e guadagnare…

    Eppure 3 notebook costano 1000 euro, e una connessione wi-fi alla fin fine con 500 la si assicura per un anno…

    Quante foto taggate?
    Quanti status aggiornati con link al profilo aziendale su facebook?
    Quanti post di blogger (o semplice racconto della propria vacanza)?
    Quanti link (spontanèi come diceva Totò) in salsa sem/seo (oltre ai tag sui social)?

    E soprattutto quanta soddisfazione per avere reso un buon servizio alla propria clientela con il classico “pizzico di sale in più”?

  • Ciao Danilo,
    Qualcosa si inizia a notare :o)

  • U Guidolin

    Salve a tutti.

    Io dio lavoro faccio il commerciale tecnico (anche se le 2 cose non si sposano a volte molto bene)..
    Progetto e vendo apparati wireless HotSpot di buon pregio e basso costo a vari alberghi e comunità nel territorio del vicentino, in particolar modo del Bassanese.
    Da quando i titolari e i presidenti di associazioni varie hanno deciso di rendere gratuito il servizio, i clienti tramite passaparola sono quasi raddoppiati nel giro di 2 anni, molto apprezzato il servizio da tedeschi e americani che loro sono molto più avanti di noi.

    • Ciao!
      Grazie per il tuo commento che conferma quello che scrivevo in questo articolo. Sono d’accordo con te sul fatto che gli stranieri, sotto questo punto di vista, sono più avanti di noi. :)

  • MAX

    IO SE TROVO UNA RETE WIRELESS LIBERA MI FIONDO A SCARICARE CON EMULE ….
    IN ALCUNI ALBERGH DOVE SONO STATO DI RECENTE IL WIFI CI STAVA SSID QUASI SEMPRE E QUELLO DI ALICE QUINDI MI E BASTATO MOLTO POCO PER ENTRARE A GRATIS CON IL PROGRAMMA WPA CALCULATOR
    E IL GIOCO E FATTO E POI MICA SE NE ACCORGONO …
    IN ALTRE STRUTTURE IL WIFI A PAGAMENTO MA SCHERZIAMO TROVO SEMPRE LA PASS PER ACCEDERVI OLTRE TUTTO NEL 1° ALBERGO IL WIFI ERA OTTIMO SUI 7 MEGA EFFETTIVI CON UPLOAD A 2MEGA SEMPRE DI ALICE .. QUINDI NESSUN PROBLEMA
    … IO QUANDO TROVO UNA LINEA ADSL WIFI MI CONNETTO AUTOMATICAMENTE CON UN PROGRAMMA CHE TROVA LA CHIAVE D’ACCESSO

-->