ISNART: Statistiche Ufficiali del Turismo 2010 | WHR Seminar

Share on Facebook19Share on LinkedIn2Share on Google+1Tweet about this on Twitter0

Tra i relatori del WHR Seminar 2010 di Roma c’è stato un intervento che ha regalato una serie di dati statistici sull’andamento del mercato turistico di quest’anno. “Le statistiche ufficiali e l’Osservatorio Nazionale del Turismo” con la presentazione a cura di Flavia Maria Coccia, Direttore Operativo ISNART.

ISNART-whr-seminar

Di seguito vi riporto un breve riepilogo dei dati emersi, nella speranza che, come detto già sul palco, questi dati non vengano dimenticati nel cassetto della scrivania ma vengano utilizzati per fare analisi allo scopo di impostare la migliore strategia di marketing turistico online.

Lo scopo dell’intervento ha voluto dimostrare quattro principali aspetti:

  1. Quali sono stati i principali andamenti del settore per il periodo 2009-2010.
  2. Quali sono state le strategie delle imprese turistiche per affrontare gli effetti della crisi economica in atto.
  3. Quali sono stati i cambiamenti nel processo di acquisto e consumo della vacanza.
  4. Quali saranno i trend futuri di mercato associati all’importanza della formazione.

Analizzando i 4 punti, emerge che:

1- Gli afflussi europei verso l’Italia giocano un ruolo fondmentale. Il maggior numero di stranieri proviene da Germania (15,8%) Francia (14,1%) e Austria (10,2%). Spagna, Nord Europa, Russia, Polonia, Belgio e Olanda sono mercati che diventano sempre più significativi per il nostro Paese.

L’immagine di seguito nel contempo dimostra però come il turismo prettamente italiano sia in fase di miglioramento. Sono in crescita gli italiani che decidono di restare nel nostro Paese:

isnart-andamento-mercato

2- Le strutture ricettive turistiche come hanno cercato di affrontare il problema della crisi?

  • l’abbassamento delle tariffe è stata una delle mosse vincenti per riuscire ad affrontare il drastico calo delle vendite, ma la conseguenza di questo è stato l’inevitabile e brusco calo del fatturato alberghiero.
  • l’abbassamento dei prezzi, se non accompagnato da precise strategie di promozione online, rischia di portare svantaggi più che benefici in quanto si offre una scarsa qualità del servizio alberghiero.
  • nonostante l’abbassamento del prezzo dell’alloggio alberghiero per far fronte alla crisi economica, alla fine il costo complessivo delle vacanze per gli italiani non è stato inferiore. Cito testualmente dalla ricerca ISNART:
    il costo complessivo della vacanza ha scontato incrementi in termini di costo degli alloggi complementari (+4,2%, gen-ago 2010), trasporti (+4,5%) attività ricreative e culturali (+2,5%).

3– Importanti cambiamenti ci sono stati nelle modalità di acquisto e consumo della propria vacanza da parte degli italiani.

  • Quest’anno sono stati molti coloro che hanno optato per vacanze brevi (weekend), con spostamenti vicini alla propria città di ubicazione (78,7%) e addirittura la scelta di farsi ospitare a casa di parenti o amici.
  • La chiave di lettura principale nella ricerca di una vacanza è quella dell’Offerta. C’è stata una ricerca spasmodica delle offerte alberghiere. Per tale motivo ne hanno tratto enormi vantaggi le strutture alberghiere che sono state in grado di sfruttare il canale online. La domanda infatti si muove sul web. L’utente medio ricerca offerte principalmente su internet, perchè può farlo autonomamente e può rendersi conto se le offerte trovate rispondono effettivamente alle proprie esigenze e disponibilità economiche.
  • GLi utenti utilizzano i portali turistici per ricercare informazioni su strutture ricettive e prezzi. Quindi i tanto “odiati” intermediari non vanno disdegnati. Anzi questi aiutano le strutture alberghiere a portare nel mercato turistico la disponibilità delle proprie camere nel periodo di bassa stagione. Senza il canale online e l’aiuto degli intermediari sarebbe ancora più difficile vendere nei periodi morti dell’anno.

Ma allora meglio intermediare o disintermediare? Secondo me, consiglio spassionato, meglio tutti e due. Ma se vuoi farti un’idea sugli effetti che può portare la disintermediazione o l’intermediazione, guarda cosa ti dice la seguente immagine:

andamento-vendite-mercato-turistico-2010

4- Quali trend futuri si prospettano e come devono comportarsi gli operatori del settore turistico ricettivo?

  • Sarebbe meglio dimenticarsi del famoso detto “chi fa per sè fa per tre” e bisognerebbe cominciare a dare realmente valore a quel desiderio di “fare Sistema” tanto necessario e spesso proclamato dalla categoria albergatori. Bisogna cominciare a fare azioni che sappiano portare benefici a livello locale. Bisogna avere una visuale d’insieme a 360%. Una visuale che porti riscontri per tutta la comunità ricettiva turistica.
  • Ideale sarebbe avere una visione di mercato per nicchie, target, interessi specifici, bisogni, necessità, etc…(differenziarsi per sopravvivere).
  • La comunicazione e la promozione sia online che offline diventa fondamentale. Gli operatori turistici devono porsi in ottica di ascolto verso i propri clienti e potenziali clienti e non vedere solo negatività in presunte azioni di critiche da parte dei propri ospiti. (il caso delle recensioni negative sui portali turistici).
  • La formazione del personale alberghiero non si può più trascurare. Formazione per avere un’ottima conoscenza degli strumenti online, le dinamiche di Revenue Management e tutte le caratteristiche dell’ospitalità in generale per far si che la propria azienda possa offrire un livello qualitativo dei propri servizi sempre migliore.

Questi sono stati solo alcuni dei principali argomenti affrontati durante la discussione nella main hall del WHR. Se vuoi conoscere nel dettaglio tutto quello che è stato detto allora puoi scaricare le slide dell’intervento. Mi raccomando…che questi dati non finiscano nel dimenticatoio!

Buona lettura e buon approfondimento!

Danilo Pontone

Share on Facebook19Share on LinkedIn2Share on Google+1Tweet about this on Twitter0
The following two tabs change content below.
Consulente Web Marketing, SEO e Social Media Marketing per tutte le strutture alberghiere. Con Hotel 2.0 offre Consulenza e Servizi utili per impostare la migliore strategia di Promozione sul Web.