25 Flares 25 Flares ×

Secondo molti il motore di ricerca Google sta nel tempo assumendo connotati sempre più monopolistici. Qualsiasi novità viene vista come l’ennesimo tassello di una struttura che sta prendendo le sembianze di un vero e proprio Impero del Web.

google_travel

Questo carattere sempre più monopolistico lo si nota molto bene se ci si concentra a osservare il settore Travel.

Ti riporto alcune delle grandi novità che fanno pensare ad un forte monopolio di Google in campo turistico. Il tutto lascia pensare ad una sola conclusione. Ma andiamo per gradi.

SERP LOCALI

Quando si ricerca su Google un “Hotel + nome località” si è soliti trovare una serie di risultati locali che fanno riferimento alle mappe di varie strutture alberghiere. Questi risultati locali possono variare, non sono sempre uguali. E’ come se Google stesse testando quale sia il risultato e layout più performante.

Fatto sta che se un utente cerca ad esempio “Hotel Roma” si trova davanti una lunga sfilza di risultati locali. Google ha in un certo senso “monopolizzato” la prima pagina del motore di ricerca.

Per capire bene quello di cui ti sto parlando puoi visitare questa pagina in cui sono presenti vari screenshot che evidenziano i vari tipi di SERP Locali Google.

SERP LOCALI + TARIFFE HOTEL + DISPONIBILITA’ + COMPARATORE

Come puoi notare dall’immagine di seguito da qualche tempo Google ha integrato nelle serp Locali un Box che consente agli utenti di avviare, ricercare e comparare online la tariffa migliore preselezionando le date in cui si vuole soggiornare al fine di trovare Hotel con disponibilità per il booking online.

La mia domanda è: dato che in tutto questo c’è un sistema di comparazione per indirizzare l’utente verso le OTA, Google vuole essere generoso verso i portali di prenotazione online oppure sta testando qualcosa per il futuro?

google-check-availability

GOOGLE FLIGHTS: I VOLI AEREI

Qualche tempo fa scrissi un articolo in cui si annunciava che Google ha acquistato la Startup ITA Software ossia un’azienda specializzata nell’informazione sui viaggi per i passeggeri aerei. La cosa suscitò malumore tra le OTA quali Expedia, TripAdvisor, Kayak.com e Farelogix le quali vedevano minacciato il loro territorio.

D’altronde se Google sta creando un monopolio con le serp Locali allora può tranquillamente farlo per i voli.

E infatti guarda l’immagine seguente tratta da una ricerca “Orlando to San Francisco” su Google.com:

google-flights

HOTEL FINDER

E poi c’è Hotel Finder un nuovo servizio di Google dedicato interamente agli Hotel. Ancora ad uno stato brado ma che sembra stia già trovando un buon riscontro in USA.

L’immagine di seguito mostra un risultato sponsorizzato estratto da Hotel Finder per la ricerca “Hotel Las Vegas“. Direi che induce senz’altro a riflettere.

google-hotel-finder

MANCA SOLO UNA COSA

Tiriamo le somme:

  1. Google sempre più concentrato sulle SERP locali
  2. Google inserisce nelle SERP locali i prezzi, date e box per cercare la disponibilità degli Hotel
  3. Google entra nel mercato online dei voli aerei
  4. Google allestisce un servizio interamente dedicato agli Hotel e che riserva loro enormi vantaggi (magari in futuro dedicherò un post esclusivo a Hotel Finder)

Considerando tutto questo interesse nel settore turistico, e considerando che agli ingegneri di Mountain View non mancano le risorse e i mezzi per realizzare qualcosa di ancora più grosso, diventa quasi lecito pensare che manchi una cosa: un vero e proprio Portale Turistico che racchiuda in sè prenotazioni alberghiere, Voli aerei e community di viaggiatori Travel 2.0 sulla spinta di servizi già abbastanza social e di geolocalizzazione come Google HotPot e Google Places.

Pensieri troppo futuristici? Io aspetto lo scacco matto!

     

  • http://www.mysocialweb.it/ Riccardo Esposito

    …anche io credo che sia questo il punto di arrivo: un portale turistico. I pezzi ci sono tutti, bisogna solo riunirli. E poi a quel punto tutto cambierà!

    Ciao Danilo, in gamba come sempre!

    • http://www.danilopontone.it Danilo Pontone

      Grazie Riccardo.
      E a quel punto chissà se le cose cambieranno in bene…per gli albergatori :)

      • http://www.mysocialweb.it/ Riccardo Esposito

        Una domanda alla quale è impossibile rispondere ora, ma ne metto un’altra sul banco: chissà come cambieranno le cose per chi ci lavora con gli albergatori.

        Schede Google + in bella mostra nelle serp, risultati local sempre in primo piano dove prenotare… sarà la fine dei grandi portali turistici? Ci troviamo di fronte a uno scenario ancora molto confuso ma, ci ripetiamo, basta mettere insieme i pezzi.

        Tu che ne pensi?

        • http://www.danilopontone.it Danilo Pontone

          Secondo me fino a che nei risultati di Google verranno integrati sempre risultati verso le OTA allora le cose non cambieranno in modo particolare. Qualcosa potrebbe accadere nel momento in cui Google dovesse decidere di entrare a pieno regime nel settore turistico anche per la parte relativa al booking online. Di fatto ritengo che il monopolio costituito da alcune OTA quali Booking, Expedia, Venere, Hotels.com etc. sia difficile da smantellare e quindi saranno sempre utili e necessari per gli albergatori. :)

  • Anonimo

    Io direi più realistici che futuristici.

    Come dice Riccardo i tasselli ci sono tutti, basta unirli. Tu li hai elencati tutti ed abbracciano tutte le fasi della scelta della vacanza, passando dalla percezione del bisogno e la relativa ricerca di informazioni atterrando, infine, sulla valutazione dell’esperienza. Questo è fantastico.
    Anche se, IMHO, Hot Pot è fantastico ma spinge poco gli utenti alla partecipazione, è più un sistema di recensioni in stile TripAdvisor piuttosto che avere un aspetto Social. Si conquista, quindi, la fetta di mercato degli appassionati di viaggio e smanettoni piuttosto che avere un panorama più ampio ed abbracciare anche altri tipi di utenti.

     Manca poco e Google creerà un mondo fatto appositamente per noi, come Matrix :D

    • http://www.danilopontone.it Danilo Pontone

      A me HotPot non dispiace affatto. Mi piace perchè lo trovo molto completo se considerato in stretta correlazione con Google Places. L’unico problema è che è poco “social” o forse più semplicemente è stato poco promosso ed esaltato. HotPot genera grandi benefici, solo che molti non ne hanno capito il suo scopo :)

  • Pingback: Google: Hotel, Flights e Travel 2.0. Manca solo una cosa… | TravelSquare()

25 Flares Twitter 12 Facebook 6 Google+ 4 Pin It Share 0 LinkedIn 3 25 Flares ×