Regione Marche: un esempio di Social Promozione Territoriale

photowalk-marche
Share on Facebook0Share on LinkedIn17Share on Google+7Tweet about this on Twitter6

In questi ultimi anni si sente parlare sempre più spesso di blogtour o photowalk, decisamente un metodo di comunicazione davvero efficace per una destinazione turistica.

La Regione Marche, insieme alla Fondazione Marche Cultura e al Social Media Team, con il sostegno di Vodafone Italia, hanno promosso il progetto dei photowalk, ovvero delle passeggiate fotografiche.

Prima di mostrarvi l’importanza del progetto, vorrei soffermarmi su chi c’è dietro a tutto ciò. Il Social Media Team Marche, nel corso degli oltre tre anni di attività ha portato grandi risultati per la visibilità delle Marche nei social:

  • Oltre 300.000 follower presenti presente in tutti e cinque i continenti
  • Oltre 10 millioni di impression mensili
  • 10 diversi social network utilizzati con più di 20 attività on-line,
  • 2 blog gestisti (www.destinazionemarche.it e culturamarchelab.regione.marche.it).

Oltre a far conoscere Le Marche, il SMTM è fortemente impegnato nell’alfabetizzazione, digitalizzazione e formazione del territorio marchigiano, con numerosi incontri e workshop con l’obiettivo di avere una maggiore consapevolezza del mondo digitale.

Tra i vari progetti di promozione del territorio, sono presenti, come già anticipato prima, i photowalk. Questo progetto fu presentato anche nel 2015 portando oltre 38.000.000 di impression/contatti in rete. Quest’anno sono state presentate 7 città: Pesaro, Castignano, Fossombrone, Numana, Cingoli, Macerata e San Benedetto del Tronto. Perchè impegnarsi così tanto con questo progetto? Ecco, a mio parere, alcuni validi motivi:

CONINVOLGERE LE PERSONE

Coinvolgere e far conoscere sono le basi di questo progetto. In ogni photowalk partecipano più di 150 persone, che rientrano in varie fasce di età, chi con lo smartphone e chi con la reflex. L’unico requisito richiesto è di essere presente in una piattaforma social. Questo è uno degli obiettivi fondamentali del progetto, condividendo sensazioni ed esperienze poi raccontate nei social.

CONINVOLGERE LE AZIENDE LOCALI

In ciascun photowalk viene data la possibilità di assaggiare prodotti del territorio e conoscere le aziende locali. Questa è una grandissima opportunità per le imprese, perché oltre ad avere l’opportunità di far conoscere la propria piccola attività, ricevono una forte promozione (gratuita) attraverso le foto pubblicate dai vari partecipanti.

VISIBILITÀ PER LA CITTÀ

Guardando dal punto di vista della città, questo progetto è un fiore all’occhiello per la promozione del territorio. Premettendo che le Marche, rispetto ad altre regioni, sono poco conosciute, questa iniziativa punta a far conoscere tutte le peculiarità di ogni piccola città. E la platea è quella internazionale, che scopre realtà prima sconosciute, o quasi.

Riportando alcuni dati dei primi 5 photowalk, si può notare come il progetto abbia avuto un effetto mediatico davvero sorprendente.

CASTIGLIONEPHOTOWALK

  • 5.054.590 di impression
  • 684.190 utenti unici (reach)
  • 83.300, 00 € di valorizazzione economica dell’attività.*

*il valore viene calcolato in costo equivalente pubblicitario per raggiungere lo stesso numero di utenti unici raggiunti dalle mention.

CINGOLIPHOTOWALK

  • 15.240.000 impressioni
  • 6.368.530 reach
  • 77.140,00 € di valorizzazione economica dell’attività.

cingoliphotowalk

NUMANAPHOTOWALK

  • 16.740.000 di impressioni
  • 9.610.000 di reach
  • 135.360, 00 € di valorizzazione economica dell’attività

PESAROPHOTOWALK

  • 16.870.00 di impression
  • 6.821.000 di reach
  • 159.450,00 € di valorizzazione economica dell’attività svolta

pesarophotowalk

pesaro

SBTPHOTOWALK (San Benedetto del Tronto)

  • 6.034.060 di impressioni
  • 1.587.550 di reach
  • 88.920,00 € di valorizzazione economica dell’attività svolta

Osservando i dati si può notare che le visualizzazioni più alte sono state presente nei photowalk di Pesaro, Numana e Cingoli.

L’obiettivo era quello di valorizzare ogni destinazione attraverso un piano editoriale, creando un raduno di utenti, influencer che raccontassero, attraverso testi, video e soprattutto foto, ciò che vivevano, e considerato i dati appena rappresentati, l’obiettivo può ritenersi ampiamente raggiunto, tenendo anche conto che, al momento, non sono ancora presenti i dati di Macerata e Fossombrone (v. foto seguente).

fossombrone

Alla fine di ogni photowalk vengono decretati i vincitori, omaggiandoli con i premi dai produttori locali, tutto questo per i partecipanti è gratuito.

CONCLUSIONI

Il Social Media Team è oramai presente e attivo da soli 4 anni e credo che sia un ottimo esempio di determinazione, ma soprattutto di qualità del lavoro visto i risultati.

Al giorno d’oggi non è facile trovare un team che sappia gestire la comunicazione di una destinazione, ma soprattutto di avere una digital strategy davvero efficace.

Passione, determinazione e consapevolezza del mondo digitale stanno alla base di questo lavoro. Concludo con un mio aforisma:

images credits: Marche Tourism

Share on Facebook0Share on LinkedIn17Share on Google+7Tweet about this on Twitter6
The following two tabs change content below.

Chiara Pacetti

Diplomata in tecnico turistico, laureanda in economia del turismo. L’ospitalità è la mia passione, ancor meglio se unita con il mondo enogastronomico. La curiosità mi tiene viva.
  • Elisa

    Info! Secondo Lei è possibile anche attuare strategie di questo genere su singola città, piuttosto che a livello regionale? Grazie

    • Ciao Elisa, secondo me assolutamente si. È chiaro che va sempre studiata un’idea ed un filo conduttore che siano in linea con la cultura e tradizioni della città. Però non vedo alcun problema a fare un’azione di promozione territoriale legata esclusivamente ad una città.
      Un saluto
      Danilo

      • Elisa

        Grazie!!