Google+ subito dopo Facebook per la pianificazione viaggi

Share on Facebook15Share on LinkedIn9Share on Google+20Tweet about this on Twitter22

social-piu-usati-per-organizzare-viaggiDa una ricerca pubblicata su eMarketer, condotta su 15.000 viaggiatori di tutto il mondo, sono emersi dei dati interessanti sull’utilizzo che le persone fanno dei social network per l’organizzazione dei propri viaggi.

Un dato sorprendente balza agli occhi dall’immagine qui a sinistra: Google+ si classifica al secondo posto subito dopo Facebook. I viaggiatori lo trovano molto utile per reperire informazioni utili nella pianificazione di un viaggio.

Google+ è destinato a crescere sempre più, soprattutto nel settore turistico nel quale si sta ritagliando importanti fette di mercato con l’avanzare di prodotti Google sempre più legati all’ospitalità alberghiera: vedi le Google+ Local Page, le recensioni basate su scala Zagat, Hotel Finder, Google Flight per citare i più importanti.

Anche Twitter comunque ha una buona percentuale se si considera il fatto che le info da reperire su questa piattaforma di microblogging non sono sempre alla portata di tutti e soprattutto non si predispone per eseguire dettagliate ricerche per l’organizzazione di un viaggio.

SOCIAL PIU’ UTILE E DEGNO DI FIDUCIA

google+_fiduciaI social considerati più utili per la pianificazione di un viaggio sono sempre Facebook e Google+ rispettivamente il primo con il 54% ed il secondo con il 22%.

Quando però si parla di “fiducia“, Google+ pur classificandosi al secondo posto guadagna due punti percentuali salendo al 24% rispetto a Facebook che detiene un 48% di fiducia.

Va detto comunque che tra qualche mese Facebook potrebbe incrementare notevolmente la propria Trustworthy perchè ben presto tutti gli utenti del social potranno utilizzare la tanto acclamata Graph Search che agevolerà ed aiuterà molto le ricerche degli utenti: magari nel trovare le strutture alberghiere più in linea con le proprie esigenze.

A tal proposito ti suggerisco di leggere questo articolo dell’amico e collega Alessandro Sportelli di FriendStrategy, in cui viene spiegato come la novità Graph Search di Facebook sia una ricetta valida per sfondare nel settore turistico.

GOOGLE+? SOLO FUMO NEGLI OCCHI!

utenti-google+_mondoCi sono però nel mondo tanti detrattori del social di Google.

Questi infatti affermano che il numero di persone realmente attive su Google+ in tutto il mondo è molto basso, più di quanto si possa pensare.

Spesso infatti, quando le persone navigano su internet, lo fanno restando loggati nel proprio account Gmail e visitando pagine del motore di ricerca, come le mappe ad esempio, da cui vengono automaticamente reindirizzati in Google+ Local senza volerlo. Quindi è come se in alcuni casi l’utilizzo del social fosse forzato o inconsapevole.

I detrattori di Google+ inoltre hanno una visione esageratamente USA-centrica. Proprio negli Stati Uniti il social di Google non sembra prendere piede: infatti di tutti gli iscritti sul social, solo il 6% sono americani (vedi immagine). Tuttavia in altri Paesi, China e India in particolare, la percentuale di utenti iscritti su Google+ pare screditare le considerazioni dei detrattori.

CONCLUSIONI

Personalmente resto della mia idea. Google+ crescerà per forza di cose. Ribadisco il mio pensiero: 10 motivi per cui un Hotel non deve snobbare Google Plus.

Share on Facebook15Share on LinkedIn9Share on Google+20Tweet about this on Twitter22