Email Marketing e Social Media: meglio insieme che separati

  • Ivan Di Marco

    Ho scoperto da poco il tuo blog ma lo trovo estremamente interessante. In questo post hai espresso quello che ripeto quotidianamente ai miei clienti, ossia che il social marketing può essere uno strumento potente solo se integrato nella più generale strategia d’impresa e se tutti gli strumenti di comunicazione vengono usati in modo coordinato e non escludente. Ivan

    • http://www.danilopontone.it/ Danilo Pontone

      Bene Ivan. Allora la pensiamo allo stesso modo. Ti ringrazio per il tuo commento :)

  • http://www.facebook.com/pepephelipe Pier Paolo Zini

    Ancora una volta mi trovo sulla tua lunghezza d’onda per quanto riguarda l’argomento… Non do molto credito alle statistiche americane dato che da noi in Italia la mentalità è talmente differente che già a livello europeo non potrebbero essere paragonabili tra nazioni confinanti e non…
    Alcuni colleghi offrono il servizio di email senza istruire il cliente sulla sua reale utilità e sulla sua enorme importanza a livello di marketing e quindi molti clienti, in buona fede ed in perfetta “ignoranza” (nel senso che ignorano…), non ne usufruiscono o se lo fanno, spesso lo fanno come “atto di presenza”. Quindi, parlare anche di Social Email Marketing con questi diventa quasi “fantascientifico”. Per esperienza (per lo meno dalle newsletters che ricevo come cliente…) esiste “quasi” sempre la parte social, ma limitata a facebook e twitter e sempre in posizioni piuttosto defilate, quasi nascoste, spesso vicino alla policy della privacy… Eppure basterebbe utilizzare programmi come MailChimp (per non parlare di aweber, ma che giudico un poco più “ostico” per i neofiti…) per avere dei form già precompilati con in bella evidenza la parte social… Di Pinterest… purtroppo è ancora molto ignorato dai più ed anche gli amici spagnoli e sudamericani sono ancora indietro nella gestione di campagne con questa rete (ma lo sono anche con Foursquare…). Nessuno spinge all’uso di programmi per mobile come “Foodspotting” per quanto riguarda la pura ristorazione… ma che potrebbe essere utile anche agli hotel!
    Penso proprio che la strada giusta sia quella che hai intrapreso da vario tempo, ossia quella del blog di “servizio” che spinge gli utilizzatori, probabili clienti o meno, a farsi una cultura su quelli che dovrebbero essere i loro argomenti “quotidiani” di lavoro.
    Anche se non fa parte dell’argomento, ti racconto una iniziativa di un hotel spagnolo: hanno creato nella hall un vero “muro” di cartongesso (in spagnolo, il “muro” è anche la nostra “bacheca” di FB…) dove è “riprodotta” una pagina di Facebook e su un lato i fan, ma solo questi!!!, alla partenza possono lasciare un messaggio su un apposito foglio autoadesivo colorato (ed i colori sono vari…) a forma di nuvola con la scritta “Me Gusta” (Mi Piace). Vengono poi fotografati nel momento dell’apposizione sul muro e la foto messa nell’album “vip” sulla pagina FB dell’hotel. In questo modo hanno aumentato moltissimo i fan, che erano già a migliaia, dato che i clienti non fan, vedendo gli altri, si facevano fan “al volo” per poter partecipare anche loro a questa “iniziativa”…

    • http://www.danilopontone.it/ Danilo Pontone

      Ciao Pier Paolo.
      Wow grazie del commento. Spieghi per filo e per segno cose verissime. Poi quando menzioni la funzionalità di questo blog è proprio così: cercare quanto meno di infondere la cultura per “crederci” un pò un domani, quando si vorrà fare qualche promozione web in modo convinto. Infine l’esempio che mi riporti di quell’hotel spagnolo è davvero interessante. Me lo salvo su un post-it :)

47 Flares Twitter 17 Facebook 15 Google+ 7 Pin It Share 7 LinkedIn 1 47 Flares ×