Le regole del web writing: una comunicazione nuova ed efficace

webwriting
Share on Facebook17Share on Google+12Share on LinkedIn36Tweet about this on Twitter2

webwriting

Quando si scrive sul web si deve partire da un presupposto importante: non stiamo scrivendo un libro, una brochure, un catalogo. 

Questa informazione è fondamentale ed è spiegata scientificamente dal fatto che la lettura attraverso tablet, smartphone e pc è più lenta del 25% rispetto a quella su un libro o su una rivista. L’occhio si stanca ed è per questo che il cervello umano tende a captare le informazioni chiave. In parole povere bisogna essere più diretti, più specifici, cercando di attirare l’interesse di chi ci legge.

Un hotel, ad esempio,  che riscrive la sua brochure o il suo catalogo di prodotti sul web senza modificarlo, avrà grossi problemi di comunicazione e partirà svantaggiato rispetto a chi ha affidato la scrittura dei suoi testi ad un copywriter professionista. Ecco perché bisogna assolutamente rispettare le regole del web writing, per non commettere il più grossolano degli errori: annoiare un lettore che con un semplice click chiuderà la pagina e, di conseguenza, la possibilità di conoscere una struttura alberghiera.

Ecco dunque, alcune piccole regole per chi vuole scrivere sul web raggiungendo risultati concreti:

  • Sii sempre sincero. Sul web le informazioni sono così facilmente reperibili che, dicendo il falso, finiresti per essere etichettato in maniera negativa. Non serve sempre elogiare una struttura creando false aspettative. Serve piuttosto valutare i punti di forza e puntare su quelli.
  • Sii chiaro. I paroloni importanti non arrivano al lettore. Non siamo di certo all’Accademia della Crusca e l’italiano colloquiale è sempre la scelta migliore.
  • Comprendi subito quale sarà il tuo pubblico. Cerca di capire chi hai di fronte. Nel caso di strutture ricettive come hotel, residence e ristoranti, di fronte a te hai dei clienti. Focalizzati su cosa vogliono sapere altrimenti, in maniera molto semplice, andranno a cercarlo da un’altra parte.
  • Evita errori grammaticali o refusi. Rileggere un testo, quando lo si scrive, è indispensabile. Chi legge avrà un biglietto da visita di chi ha scritto quelle parole e, se ci sono “orrori” grammaticali, c’è il rischio che il cliente decida di spostare la sua attenzione su altro.
  • Comunica con logica. I giri di parole, sul web, non servono a nulla. Frasi brevi, chiare e concise serviranno a spiegare quello che offri. Ai clienti non interessa altro.

Con queste piccole “regole” inizio anche oggi il mio lavoro sperando di esservi stata utile e di non avervi già stancato dopo solo un post! 

Buona giornata a tutti voi :)

Share on Facebook17Share on Google+12Share on LinkedIn36Tweet about this on Twitter2